mercoledì 24 maggio 2017

Nuova Ricetta per un Sapone di Riciclo!

Ciao a Tutti!
Oggi vi presento un semplicissimo sapone, che data la modalità di realizzazione e colorazione... è un vero e proprio Sapone Ricicloso!
Si tratta infatti di un sapone che ho voluto realizzare per finire alcune “scorte” di Oli (Oliva e Jojoba) che erano lì già da un po'.
Inoltre ho voluto provare ad utilizzare, come coloranti, dei prodotti di Make Up inutilizzabili in altro modo.
In particolare si tratta un rossetto di un colori improponibile (un rosino pastello non armocromatico in assoluto), due rossetti rossi metallizzati risalenti al primo dopoguerra, un ombretto lilla shimmer in polvere libera (e pure full size) impegnativo anche per un'estate assoluta e infine due ombretti bianco e nero shimmer che risalgono ad almeno 15 anni fa, che ho inserito nei due diversi mix di colore.
Non ho fatto ulteriori aggiunte al sapone, dato che si è trattato di un esperimento, ho giusto inserito una fragranza sicura (Seerose di Gisella Manske, che ho recentemente recensito) e fatto la prova con i due mix di colori, quindi non sono stata a stamparvi la ricetta con Soap Calc.
Dato che l'obiettivo era avere una pasta di sapone molto fluida, da poter lavorare, ho ecceduto con l'acqua e ho omesso i classici grassi “solidi”: Cera di Soia, Burro di Karité o Cacao, ho preferito non rischiare di ottenere una pasta di sapone troppo densa da lavorare...
effettivamente non ho potuto fare lo Swirl, come inizialmente speravo... ho ripiegato su una lavorazione diversa, ma che mi ha comunque dato molta soddisfazione.

Come le altre volte, non starò a ripetere per intero la procedura e le informazioni di base, potete trovare qui tutte le informazioni generali su sapone e saponificazione:

Ricetta:

Cocco 25%
Palma 25%
Oliva 25%
Arachidi 12%
Jojoba 7%
Avocado 6%

Sconto 8%
Acqua 33% 

Procedimento:

Come sempre si inizia con il preparare la pentola dei grassi, e come sempre, Palma e Cocco vanno prima scaldati a bagnomaria, così da prelevarli quando sono in forma liquida, dopo averli ben mescolati.
Una volta inseriti loro a questo giro è anche più semplice, non ho inserito ulteriori grassi solidi da sciogliere, è tutto molto veloce, basterà tenere i grassi sui 40-50°C fino al momento della saponificazione.
Ho anche inserito la fragranza Seerose a questo punto, dato che non prevedevo una fase di nastro.

Il secondo step è sempre la preparazione della soluzione di Soda, prima di procedere alla “bardatura” si andrà a pesare l’acqua nel contenitore predisposto, poi, da questo punto è importante utilizzare tutte le protezioni.
La Soda Caustica va pesata in un qualsiasi contenitore di plastica, come vedete io utilizzo e riutilizzo questi di budini/yogurt, la Soda residua non deve preoccupare, appena ho pronta la soluzione basta sciacquare a lungo il bicchierino e sarà riutilizzabilissimo.
Quando la pesata è pronta, si può cominciare a versare poco alla volta la Soda nell’acqua, mescolando accuratamente con l’altra mano. 
È importante che non si formino agglomerati di soda sul fondo del contenitore, altrimenti si rischia di dover buttare via il sapone, perché potrebbe contenere agglomerati caustici, quindi bisogna mescolare, e se la soluzione “bolle” ci si ferma un attimo e si mescola un po'.

In attesa del raffreddamento della soluzione di Soda io mi sono messa a preparare la “decorazione”, in particolare ho suddiviso i colori in due parti:
Da una parte ho messo i rossetti, aggiungendo qualche cucchiaiata di olio prendendolo dalla pentola dei grassi già pronta, e li ho messi a bagnomaria, in un normale becher a caraffa ho messo invece una quantità simile di olio, e ci ho mescolato dentro per bene l'ombretto lilla.
Ad entrambe le misture ho aggiunto un po' di ombretto bianco perlato e nero perlato, ad occhio, per rinforzare un pochino il colore.

Ci ho messo un po' a sciogliere bene tutti i rossetti, ed effettivamente ho dovuto mantenere la soluzione di soda un po' al caldo, per non farla raffreddare troppo (l'ho messa su un fornello spento, ma ancora tiepido, di sicuro non caldo da sciogliere il becher).
Dato che il mix di rossetti tendeva un pochino a rapprendersi se tolto dal bagnomaria, ho preferito lasciarlo lì fino all'ultimo, quindi ho provveduto a saponificare, con entrambe le fasi a 45°C.

Come sempre ho inserito a filo la Soda negli oli, e ho provveduto a frullare con il minipimer, muovendolo in tutte le direzioni: mescolando con movimenti rotatori, alzandolo e abbassandolo per frullare sia la parte alta, sia quella bassa della pentola, ma sempre senza alzarlo troppo, per evitare schizzi (anche se ci siamo messi tutte le protezioni).
Il sapone nel giro di poco si è formato, e ho anche notato che non ha accennato ad addensarsi in fretta, questo in parte è dovuto all'omissione dei grassi solidi nella formula, e anche alla maggiore percentuale di acqua inserita.
Dato che non potevo attardarmi ancora (non volevo rischiare di non riuscire a fare lo swirl a causa di pasta di sapone troppo densa, quanto mi sono sbagliata!), ho provveduto a mescolare le due metà di pasta di sapone nei contenitori, una metà l'ho mescolata con il fondo viola già pronto, l'altra con i rossetti sciolti, ancora a bagnomaria.
Ho cercato di mescolare tutto molto in fretta... ed effettivamente ci sono riuscita...
mi sono trovata una pasta di sapone ancora molto liquida!
Ho deciso a questo punto di variare la “struttura” del sapone, e ho buttato alternativamente un po' di viola e un po' di rosa nello stampo pronto, andando a realizzare una sorta di “strato su strato”.

Il sapone ci ha messo circa 24h per diventare sufficientemente solido da essere rimosso dallo stampo, usando uno stampo in legno effettivamente ci vuole poco perché si indurisca a sufficienza.
Una volta rimosso ho anche provveduto a tagliarlo, era già duro a sufficienza, andando a realizzare delle saponette “rustiche”.
Non mi sono venute delle saponette completamente quadrate anche perché ho utilizzato uno stampo non perfettamente rettangolare, ma non sono così formale, questo sapone era più che altro uno studio... e sinceramente l'ho trovato ben riuscito!
I due colori finali mi piacciono, sono venuti tenui, anche se con qualche imperfezione, ma l'insieme mi piace!

Una volta tagliato ho impacchettato le saponette e le ho lasciate stagionare per alcuni mesi prima di usarle.

La texture è davvero molto setosa, e il sapone non è durissimo (più si prolunga la stagionatura, più comunque si indurirà), e infatti ho usato una combinazione di grassi simile a quelle che ho già usato per alcuni saponi che mi sono piaciuti molto.

Anche per oggi è tutto!
Spero che il post vi sia interessato, e buona saponificazione!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione, ma soprattutto le mie personali maestre di saponificazione!

lunedì 22 maggio 2017

Alcune linee bio di BioQ da OVS!

Ciao a Tutti!
Torno a parlarvi di qualche linea di prodotti bio e con ottimo INCI, in particolare vi parlo della BioQ, una marca che già si è fatta notare per offerte periodiche da OVS ed Esselunga con una linea di cui vi ho già parlato, ma che ha anche altre linee, che al momento sembrano essere diventate fisse in alcuni OVS che ho frequentato negli ultimi mesi.
Si possono trovare due linee differenti, la prima all'Olio di Argan per viso, corpo e capelli, e la seconda invece in diverse varianti di differente ispirazione vegetale, e si limita a corpo e capelli.
Comincio a parlarvi della prima, partendo proprio con i prodotti corpo.

BioQ – Argan – Olio di Argan Corpo con Attivi Drenanti:

Argania Spinosa Kernel Oil, Helianthus Annuus Seed Oil, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Oil, Macadamia Ternifolia Seed Oil, Persea Gratissima Fruit Oil, Olea Europaea Fruit Oil, Sesamum Indicum Seed Oil, Glycine Soja Oil, Prunus Armeniaca Kernel Oil, Oryza Sativa Bran Oil, Simmondsia Chinensis Seed Oil, Centella Asiatica Extract, Aesculus Hippocastanum Extract, Hedera Helix Leaf Extract, Citrus Nobilis Peel Oil, Citrus Limonum Fruit Oil, Salvia Sclarea Flower Oil, Tocopherol, Limonene, Citral, Linalool, Geraniol

75 ml
12,99 €

Tutta la linea è certificata, quindi gli oli usati sono di provenienza biologica, resta comunque da verificare che non si tratti di un semplice misto di oli ad azione puramente emolliente.
Abbiamo un prodotto a base di soli emollienti vegetali, tra cui proprio l'Argan in prima posizione, abbiamo poi estratti di Centella Asiatica, Ippocastano, Edera ed oli essenziali di Mandarino, Limone e Salvia Sclarea.

BioQ – Argan – Bagnodoccia per tutti i Tipi di Pelli:

Aqua, Cocamidopropyl Hydroxysultaine, Cocamidopropyl Betaine, Glycerin, Sodium Chloride, Sodium Cocoyl Sarcosinate, Sorbitol, Sodium Arganamphoacetate, Sodium Olivamphoacetate, Chamomilla Recutita Flower Extract, Aloe Barbadensis Leaf Extract, Malva Sylvestris Leaf Extract, Achillea Millefolium Flower Extract, Calendula Officinalis Flower Extract, Parfum, Lactic Acid, Benzyl Alcohol, Sodium Benzoate, Potassium Sorbate

500 ml
4,99 €

Questo primo detergente ha una composizione peculiare, il tensioattivo anionico principale è il sarcosinato, un tensioattivo che personalmente adoro, ma la formula è piena di anfoteri, quindi potrebbero costituire loro il nucleo principale del sistema lavante, piuttosto che essere i tensioattivi tampone.
Non so esattamente prevedere il comportamento del prodotto, potrebbe essere un prodotto molto diverso da quelli normalmente in commercio.
Sicuramente l'INCI è totalmente green, come il resto della linea.
Sono state fatte alcune aggiunte di contorno, ma giusto per “poesia”, dato che finiranno lavate via prima ancora di rimanere un secondo sulla pelle.

BioQ – Argan – Shampoo per tutti i Tipi di Capelli:

Aqua, Ammonium Lauryl Sulfate, Disodium Cocoamphodiacetate, Decyl Glucoside, Sodium Myristoyl Glutamate, Glycerin, Zinc Coco-Sulfate, Sodium Arganamphoacetate, Glyceryl Oleate, Sodium Olivamphoacetate, Panthenol, Urtica Dioica Leaf Extract, Cynara Scolymus Extract, Citrus Nobilis Peel Oil, Cananga Odorata Flower Oil, Lactic Acid, Dicaprylyl Ether, Parfum, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate, Benzyl Alcohol

300 ml
5,99 €

Totalmente diversa, e anche più canonica, la formula lavante dello shampoo, abbiamo come tensioattivo primario un tensioattivo piuttosto aggressivo, anche se ecobio, l'ALS, equivalente dell'SLS, ma con l'ammonio come base al posto del Sodio.
Per il resto vengono usati diversi addolcenti e tamponi, sia anfoteri, che non ionici, e anche un ulteriore anionico, oltre che un goccino di surgrassante.
Insomma il mix è talmente vario che l'unica sarebbe provarlo direttamente, ma ho buone impressioni.

BioQ – Argan – Balsamo per tutti i tipi di Capelli all'Olio di Argan:

Aqua, Cetyl Alcohol, Behenamidopropyl Dimethylamine, Lactic Acid, Argania Spinosa Kernel Oil, Hydrolyzed Soy Protein, Hydrolyzed Wheat Protein, Hydrolyzed Corn Protein, Citrus Nobilis Peel Oil, Citrus Limon Fruit Oil, Citrus Bergamia Peel Oil Expressed, Aloe Barbadensis Leaf Extract, Trigonella Foenum-Graecum Seed Extract, Malva Sylvestris Leaf Extract, Rosmarinus Officinalis Extract, Glycerin, Parfum, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate, Phenoxyethanol, Benzyl Alcohol

300 ml
5,99 €

Il prodotto è 100% ecobio, d'accordo, ma il prodotto non mi convince più di tanto.
Abbiamo un prodotto che di base è composto solamente da emollienti, con qualche blando condizionante.
L'unico vero e proprio ingrediente districante è la Behenamidopropyl Dimethylamine, accettabile certo, ma non mi convince come unico ingrediente.
Penso sia un prodotto accettabile solamente per capelli secchi, che necessitano di impacchi nutrienti, ma che non necessitano di prodotti molto districanti, cosa che ad esempio è tutt'altro rispetto a quello che cerco io in prima persona.

BioQ – Argan – Maschera all'Olio di Argan:

Aqua, Cetearyl Alcohol, Behenamidopropyl Dimethylamine, Lactic Acid, Argania Spinosa Kernel Oil, Simmondsia Chinensis Seed Oil, Persea Gratissima Fruit Oil, Olea Europaea Fruit Oil,  Olea Europaea Fruit Oil Unsaponifiables, Hydrolyzed Soy Protein, Hydrolyzed Wheat Protein, Hydrolyzed Corn Protein, Hydrogenated Olive Oil, Aloe Barbadensis Leaf Extract, Malva Sylvestris Leaf Extract, Trigonella Foenum-Graecum Seed Extract, Lavandula Hybrida Oil, Ocimum Basilicum Herb Oil, Juniperus Communis Fruit Oil, Rosemary Extract, Glycerin, Ascorbyl Palmitate, Tocopherol, Parfum, Citric Acid, Lecithin, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate, Phenoxyethanol, Benzyl Alcohol

300 ml
5,99 €

In modo simile anche questo prodotto non mi convince particolarmente, anche in questo caso si tratta di un cosmetico 100% ecobio, ma abbiamo un prodotto che non si discosta molto dal balsamo.
Probabilmente cambia la consistenza, e la percentuale grassa, ma  come per il balsamo l'unico vero e proprio ingrediente districante è la Behenamidopropyl Dimethylamine, accettabile certo, ma c'è di meglio.

BioQ – Argan – Crema Corpo Vellutante:

Aqua, Caprylic/Capric Triglyceride, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Oil, Cocos Nucifera Oil, Sodium Stearoyl Lactylate, Glyceryl Stearate, Ethylhexyl Stearate, Cetearyl Alcohol, Dicaprylyl Ether, Glycerin, Glyceryl Stearate Citrate, Argania Spinosa Kernel Oil, Hydrolyzed Elastin, Hydrolyzed Wheat Protein, Aloe Barbadensis Leaf Extract, Chamomilla Recutita Flower Extract, Achillea Millefolium Extract, Malva Sylvestris Leaf Extract, Ascorbyl Palmitate, Tocopherol, Panthenol, Xanthan Gum, Lactic Acid, Citric Acid, Sodium PCA, Glucose, Sorbitol, Sodium Glutamate, Glycine, Parfum, Lecithin, Urea, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate, Phenoxyethanol, Benzyl Alcohol

300 ml
7,99-8,99 €

Mi stupisce la strana formula di questa crema. Abbiamo una formula quasi del tutto ecobio, con un'ampia cascata di grassi, un'ottima scelta di emulsionanti, Aloe, proteine, diversi estratti vegetali, probabilmente un NMF ricostruito, ma anche Elastina Idrolizzata, una proteina sicuramente che non va ad integrare la carenza di quella prodotta dalla pelle, e allo stesso tempo è di sicura origine animale, questo quindi rende il prodotto non vegetariano. Il che mi stupisce da un prodotto certificato.

BioQ – Argan – Crema Viso Antiage – Pelli Normali:

Aqua, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Oil, Glyceryl Stearate, Glycerin, Sodium Stearoyl Lactylate, Cetearyl Alcohol, Dodecane, Coco-Caprylate, Macadamia Ternifolia Seed Oil, Glyceryl Stearate Citrate, Caprylic/Capric Triglyceride, Butyrospermum Parkii Butter, Argania Spinosa Kernel Oil, Aloe Barbadensis Leaf Extract, Centaurea Cyanus Flower Extract, Hydrolyzed Wheat Protein, Citrus Grandis Fruit Extract, Avena Sativa Kernel Extract, Pinus Pinaster Extract, Squalane, Sorbitol, Panthenol, Sodium PCA, Glucose, Glycine, Sodium Glutamate, Diglycerin, Ascorbyl Palmitate, Tocopherol, Parfum, Xanthan Gum, Lactic Acid, Citric Acid, Lecithin, Urea, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate, Benzyl Alcohol, Phenoxyethanol

50 ml
8,99 €

BioQ – Argan – Crema Viso Antiage – Pelli Grasse:

Aqua, Dodecane, Glycerin, Sesamum Indicum Seed Oil, Glyceryl Stearate, Cetearyl Alcohol, Sodium Stearoyl Lactylate, Ethylhexyl Palmitate, Macadamia Ternifolia Seed Oil, Glyceryl Stearate Citrate, Dicaprylyl Ether, Argania Spinosa Kernel Oil, Squalane, Glucose, Sorbitol, Sodium Glutamate, Sodium PCA, Calendula Officinalis Flower Extract, Centaurea Cyanus Flower Extract, Aloe Barbadensis Leaf Extract, Diglycerin, Pinus Pinaster Extract, Serenoa Serrulata Fruit Extract, Tocopherol, Ascorbyl Palmitate, Lecithin, Citric Acid, Beta-Sitosisterol, Parfum, Xanthan Gum, Lactic Acid, Phenoxyethanol, Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol

50 ml
8,99 €

Le due creme viso effettivamente si differenziano notevolmente, nonostante non sia sempre così.
Iniziamo dalla quota grassa, la prima crema contiene già come secondo ingrediente l'Olio di Mandorle, è probabile che sia effettivamente una crema molto più ricca della seconda, dove invece i primi ingredienti sono un emolliente molto più leggero e subito dopo la Glicerina.
Gli emulsionanti usati sono gli stessi, ma noto davvero delle differenze notevoli per quanto riguarda l'emollienza.
Per quanto riguarda invece la scelta di attivi non abbiamo una grossa variazione, in entrambe le creme abbiamo Aloe, Estratto di Pino, e un NMF ricostruito (ma non identico, qualche ingrediente è indicato solo in una delle versioni).
Le due versioni poi si differenziano in qualche altro estratto, e nella presenza di proteine nella prima, e un antiossidante nella seconda.
Sembrano ben fatte, e le consiglierei, sono anche abbastanza ricche di attivi rispetto alla media.

BioQ – Argan – Perfezionatore Viso all'Olio di Argan:

Aqua, Ethylhexyl Palmitate, Cocoglycerides, Glyceryl Stearate Citrate, Glyceryl Stearate, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Oil, Cetearyl Alcohol, Glycerin, Argania Spinosa Kernel Oil, Hydrolyzed Elastin, Hydrolyzed Wheat Protein, Centaurea Cyanus Flower Extract, Citrus Aurantium Dulcis Oil, Ocimum Basilicum Herb Oil, Sorbitol, Hydrolyzed Verbascum Thapsus Extract, Panthenol, Glycine, Glucose, Sodium PCA, Ascorbyl Palmitate, Tocopherol, Xanthan Gum, Parfum, Lactic Acid, Citric Acid, Sodium Glutamate, Lecithin, Urea, Titanium Dioxide, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate, Phenoxyethanol, Benzyl Alcohol, C.I. 77499, C.I. 77492, C.I. 77491

75 ml
6,99 €

Anche in questo caso si ripete “l'incongruenza” del prodotto biologico che inserisce una proteina di origine animale nella formula, per il resto però abbiamo una vera e propria emulsione, anche se probabilmente molto leggera.
Non lo definirei un vero e proprio perfezionatore (che sarebbe poi?), e nemmeno un vero e proprio siero, perché per quanto sia ricco, abbiamo quasi solamente estratti vegetali e idratanti, avrei sperato almeno in qualche antiossidante in più.
Per il prezzo che ha va comunque bene, direi che è più che accettabile, anzi, supera di ben lunga in ricchezza prodotti anche più cari.
Inoltre può essere un'ottima alternativa per chi cerca un prodotto ancora più leggero della crema.

BioQ – Argan – Latte Detergente Tonico e Crema Idratante 3 in 1:

Aqua, Rosa Centifolia Flower Water, Glycerin, Ethylhexyl Stearate, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Oil, Caprylic/Capric Triglyceride, Glyceryl Stearate, Cetearyl Alcohol, Stearic Acid, Sodium Lauroyl Glutamate, Argania Spinosa Kernel Oil, Rosa Moschata Seed Oil, Chamomilla Recutita Flower Extract, Centaurea Cyanus Flower Extract, Calendula Officinalis Flower Extract, Hydrolyzed Wheat Protein, Achillea Millefolium Flower Extract, Citrus Aurantium Dulcis Oil, Lavandula Hybrida Oil, Panthenol, Sorbitol, Glucose, Sodium PCA, Glycine, Ascorbyl Palmitate, Tocopherol, Citric Acid, Xanthan Gum, Parfum, Lactic Acid, Lecithin, Sodium Glutamate, Urea, Sodium Dehydroacetate, Sodium Benzoate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol

150 ml
5,99 €

si tratta di un prodotto con una definizione molto fuorviante.
Il Latte detergente è un prodotto rinse-off, che ovvero va lavato via con acqua o con un panno, non va lasciato sulla pelle, mentre Tonico e Crema sono prodotti leave-in.
In questo senso non è possibile creare un prodotto che vada a sostituirli tutti e tre, e trovo che sia una marchettata esagerata (purtroppo diffusa).
Il prodotto ha la struttura formulativa di un latte detergente, anche ben fatto, e nonostante l'aggiunta di attivi, non ha motivo di averli, finiranno lavati via.
Il prodotto non è eccessivamente caro, ma ci sono prodotti di questo tipo che si limitano al loro lavoro (insomma sono semplici creme fluide vuote), e che quindi costano di meno.

BioQ – Argan – Detergente Viso:

Aqua, Ammonium Lauryl Sulfate, Cocamidopropyl Betaine, Decyl Glucoside, Zinc Coco-Sulfate, Glycerin, Sodium Arganamphoacetate, Centaurea Cyanus Flower Extract, Lavandula Hybrida Oil, Rosmarinus Officinalis Leaf Oil, Melaleuca Alternifolia Leaf Oil, Parfum, Lactic Acid, Sodium Benzoate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol

150 ml
5,99 €

Questo è l'ultimo prodotto della linea, e si tratta di un prodotto piuttosto canonico.
La formula lavante è simile a quella dello shampoo, spero almeno che abbiano abbassato la SAL.
Il tensioattivo primario è sempre l'ALS, analogo dell'SLS, addolcito sì da anfoteri e non ionici... ma continuo ad avere dubbi.
Il prodotto in sé va per forza provato comunque, non è detto che la presenza dell'ALS al secondo posto lo definisca per forza aggressivo, quindi non posso dare un verdetto con ragionevole sicurezza.

Parlo ora della seconda linea della marca, ispirata ad oli essenziali di erbe aromatiche:

BioQ – Timo&Albero del The – Sapone Intimo Uomo e Donna:

Aqua, Sodium Cocoyl Sarcosinate, Cocamidopropyl Hydroxysultaine, Disodium Cocoamphodiacetate, Coco-Glucoside, Glyceryl Oleate, Sodium Chloride, Glycerin, Thymus Vulgaris Extract, Mentha Piperita Extract, Lavandula Angustifolia Flower Oil, Rosmarinus Officinalis Leaf Extract, Thymus Vulgaris Oil, Thymus Serpillum Oil, Mentha Piperita Oil, Eucalyptus Globulus Leaf Oil, Melaleuca Alternifolia Leaf Oil, Parfum, Lactic Acid, Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol, Linalool, Limonene

250 ml
4,99-5,99 €

Mi piace che questa linea abbia prodotto anche il detergente intimo, senza limitarsi ai detergenti corpo.
Apprezzo anche la formulazione usata, dato che prevede primo fra tutti il Sarcosinato, il mio tensioattivo preferito in assoluto, tamponato con un tensioattivo simile alla betaina e un altro anfotero.
A tutto questo mix viene anche aggiunto del surgrassante, che rende il prodotto ancora più delicato.
Abbiamo poi diversi estratti vegetali azzeccati: Timo e Menta Piperita, e diversi oli essenziali: Timo, Menta Piperita, Lavanda, Rosmarino, Serpillo, Eucalipto e Tea Tree (Albero del Tè).
L'unico aspetto che mi fa storcere il naso è l'assenza del pH segnalato in confezione, dato che uomini, donne in età fertile e in menopausa hanno necessità differenti.

BioQ – Arancio&Limone – Bagnodoccia:

Aqua, Cocamidopropyl Hydroxysultaine, Cocamidopropyl Betaine, Glycerin, Sodium Chloride, Sodium Cocoyl Sarcosinate, Sorbitol, Citrus Limonum Peel Extract, Chamomilla Recutita Flower Extract, Calendula Officinalis Flower Extract, Avena Sativa Bran Extract, Citrus Aurantium Dulcis Peel Oil, Citrus Limonum Peel Oil, Sodium Olivamphoacetate, Jasmine Officinale Oil, Parfum, Lactic Acid, Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol, Benzyl Salicylate, Limonene

500 ml
4,99-5,99 €

BioQ – Malva – Bagnodoccia:

Aqua, Cocamidopropyl Hydroxysultaine, Cocamidopropyl Betaine, Glycerin, Sodium Chloride, Sodium Cocoyl Sarcosinate, Sorbitol, Malva Sylvestris Leaf Extract, Chamomilla Recutita Flower Extract, Calendula Officinalis Flower Extract, Avena Sativa Bran Extract, Sodium Olivamphoacetate, Parfum, Lactic Acid, Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol, Cinnamyl Alcohol, Linalool, Butylphenyl Methylpropional, Benzyl Benzoate

500 ml
4,99-5,99 €

BioQ – The Verde – Bagnodoccia:

Aqua, Cocamidopropyl Hydroxysultaine, Cocamidopropyl Betaine, Glycerin, Sodium Chloride, Sodium Cocoyl Sarcosinate, Sorbitol, Achillea Millefolium Flower Extract, Camellia Sinsensis Leaf Extract, Chamomilla Recutita Flower Extract, Calendula Officinalis Flower Extract, Avena Sativa Bran Extract, Sodium Olivamphoacetate, Parfum, Lactic Acid, Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol, Hydroxyisohexyl 3-Cyclohexene Carboxaldehyde, Limonene

500 ml
4,99-5,99 €

La formula dei bagnodoccia non si differenzia molto da quella del detergente intimo, abbiamo sempre il sarcosinato come tensioattivo anionico principale, mentre abbiamo la più classica Cocamidopropyl Betaine insieme alla Cocamidopropyl Hydroxysultaine.
Le differenze fra le varianti si limitano agli estratti usati e alla profumazione (e conseguenti allergeni), nessuna differenza sostanziale, dato che gli estratti in un prodotto a risciacquo sono più che altro “decorativi”.

BioQ – Arancio&Limone – Latte Corpo Idratante:

Aqua, Ethylhexyl Stearate, Glycerin, Olea Europaea Fruit Oil, Mel, Glyceryl Stearate, Cetearyl Alcohol, Stearic Acid, Sodium Lauroyl Glutamate, Citrus Aurantium Dulcis Peel Oil, Citrus Limonum Peel Oil, Achillea Millefolium Flower Extract, Chamomilla Recutita Flower Extract, Hamamelis Virginiana Bark/Leaf/Twig Extract, Citrus Limonum Peel Extract, Tocopherol, Ascorbyl Palmitate, Lecithin, Citric Acid, Xanthan Gum, Lactic Acid, Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol, Parfum, Limonene, Citral, Hydroxyisohexyl 3-Cyclohexene Carboxaldehyde, Benzyl Salicylate, Hexyl Cinnamal, Butylphenyl Methylpropional, Linalool, Citronellol

250 ml
6,99-8,99 €

BioQ – Malva – Latte Corpo Idratante:

Aqua, Ethylhexyl Stearate, Glycerin, Olea Europaea Fruit Oil, Mel, Glyceryl Stearate, Cetearyl Alcohol, Stearic Acid, Sodium Lauroyl Glutamate, Achillea Millefolium Flower Extract, Chamomilla Recutita Flower Extract, Hamamelis Virginiana Bark/Leaf/Twig Extract, Malva Sylvestris Leaf Extract, Tocopherol, Ascorbyl Palmitate, Lecithin, Citric Acid, Xanthan Gum, Lactic Acid, Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol, Parfum, Butylphenyl Methylpropional, Linalool, Cinnamyl Alcohol, Benzyl Benzoate, Geraniol, Coumarin, Citral, Isoeugenol

250 ml
6,99-8,99 €

BioQ – The Verde – Latte Corpo Idratante:

Aqua, Ethylhexyl Stearate, Glycerin, Olea Europaea Fruit Oil, Mel, Glyceryl Stearate, Cetearyl Alcohol, Stearic Acid, Sodium Lauroyl Glutamate, Achillea Millefolium Flower Extract, Chamomilla Recutita Flower Extract, Hamamelis Virginiana Bark/Leaf/Twig Extract, Camellia Sinsensis Leaf Extract, Tocopherol, Ascorbyl Palmitate, Lecithin, Citric Acid, Xanthan Gum, Lactic Acid, Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol, Parfum, Limonene, Citral, Linalool, Hydroxycitronellal, Hydroxyisohexyl 3-Cyclohexene Carboxaldehyde, Citronellol

250 ml
6,99-8,99 €

Lo stesso discorso vale anche per le i latti e creme corpo, in questo caso abbiamo delle emulsioni piuttosto leggere, dove l'emolliente principale usato è un estere, seguito da Olio di Oliva e un pochino di Acido Stearico.
La cascata di grassi si ferma qui, indice del fatto che si parla di un prodotto leggero.
Nella formula generale mi piace sia stato inserito il Miele (sicuramente a piccole dosi, o farebbe andare a male il prodotto), diversi antiossidanti (sia Vitamina E, che Vitamina C Stabilizzata) ed Estratto di Achillea, Camomilla e Amamelide (presenti in tutte le varianti).
Le varianti vengono poi personalizzate con differenti estratti, legati alle indicazioni del prodotto.

BioQ – Arancio&Limone – Crema Corpo Idratante:

Aqua, Caprylic/Capric Triglyceride, Cetearyl Alcohol, Dicaprylyl Ether, Ethylhexyl Stearate, Glyceryl Stearate, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Oil, Sodium Stearoyl Lactylate, Glycerin, Butyrospermum Parkii Butter, Citrus Aurantium Dulcis Peel Oil, Citrus Limonum Peel Oil, Citrus Aurantium Dulcis Flower Extract, Citrus Limonum Peel Extract, Chamomilla Recutita Flower Extract, Avena Sativa Bran Extract, Olea Europaea Fruit Oil, Tocopherol, Ascorbyl Palmitate, Lecithin, Citric Acid, Xanthan Gum, Lactic Acid, Parfum, Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol, Phenoxyethanol, Limonene, Citral, Hydroxyisohexyl 3-Cyclohexene Carboxaldehyde, Benzyl Salicylate, Hexyl Cinnamal, Butylphenyl Methylpropional, Linalool, Citronellol

200 ml
6,99 €

BioQ – The Verde – Crema Corpo Idratante:

Aqua, Caprylic/Capric Triglyceride, Cetearyl Alcohol, Dicaprylyl Ether, Ethylhexyl Stearate, Glyceryl Stearate, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Oil, Sodium Stearoyl Lactylate, Glycerin, Butyrospermum Parkii Butter, Achillea Millefolium Flower Extract, Camellia Sinsensis Leaf Extract, Citrus Limonum Peel Extract, Chamomilla Recutita Flower Extract, Avena Sativa Bran Extract, Olea Europaea Fruit Oil, Tocopherol, Ascorbyl Palmitate, Lecithin, Citric Acid, Xanthan Gum, Lactic Acid, Parfum, Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol, Phenoxyethanol, Limonene, Citral, Hydroxyisohexyl 3-Cyclohexene Carboxaldehyde, Hydroxycitronellal, Linalool, Citronellol

200 ml
6,99 €

Il prodotto viene reso più ricco e nutriente rispetto alla versione latte corpo, in questo caso abbiamo dei prodotti da tubetto, più densi dei latti corpo, ma niente di paragonabile ad una crema densa da vasetto.
L'emulsione ha comunque la stessa base: Gliceril Stearato, Alcol Cetearilico e Sodium Stearoyl Lactylate, ma la cascata di grassi si amplia molto.
Viene mantenuto il resto della struttura: antiossidanti, estratti di Achillea e Camomilla e gli estratti rispettivi delle differenti varianti.

BioQ – Malva&Camomilla – Shampoo Capelli Trattati:

Aqua, Ammonium Lauryl Sulfate, Disodium Cocoamphodiacetate, Glycerin, Decyl Glucoside, Sodium Myristoyl Glutamate, Zinc Coco-Sulfate, Malva Sylvestris Leaf Extract, Chamomilla Recutita Flower Extract, Calendula Officinalis Flower Extract, Cananga Odorata Flower Oil, Glyceryl Oleate, Hydrolyzed Soy Protein, Sodium Olivamphoacetate, Sodium Arganamphoacetate, Panthenol, Dicaprylyl Ether, Lactic Acid, Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol, Benzyl Benzoate, Linalool

250 ml
4,99 €

BioQ – Menta&Timo – Shampoo Capelli Grassi e Forfora:

Aqua, Ammonium Lauryl Sulfate, Disodium Cocoamphodiacetate, Glycerin, Decyl Glucoside, Sodium Myristoyl Glutamate, Zinc Coco-Sulfate, Thymus Vulgaris Extract, Thymus Vulgaris Oil, Mentha Piperita Oil, Eucalyptus Globulus Leaf Oil, Glyceryl Oleate, Hydrolyzed Soy Protein, Sodium Olivamphoacetate, Sodium Arganamphoacetate, Panthenol, Dicaprylyl Ether, Lactic Acid, Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol, Limonene

250 ml
4,99 €

Per i prodotti della linea dedicati ai capelli vengono date due differenti varianti, che effettivamente evocano un funzionamento del prodotto molto diverso (e la stessa promessa è molto differente), ma in questo caso dubito che le differenze siano sufficienti.
Il primo prodotto viene dedicato ai capelli trattati, di conseguenza rovinati e probabilmente secchi, il secondo ai capelli grassi e con forfora, ma in entrambi i casi la formula lavante è la stessa: ALS, Zinco Coco-Solfato come anionici, tamponati con un anfodiacetato (anfotero) e alcuni tensioattivi delicati.
Anche le stesse aggiunte di contorno non mi sembrano così diverse da rendere credibile che si tratti di due formule diverse.
Insomma, potrebbero esserci proporzioni di ingredienti differenti, ma pare strano che la lista di ingredienti sia così simile.
A differenza degli altri prodotti, che proverei anche di persona, questi sento di sconsigliarli, a sentimento, perché non mi pare di notare una formula effettivamente differenziata per tipologia di capello.

BioQ – Malva&Camomilla – Balsamo Capelli Trattati:

Aqua, Cetyl Alcohol, Behenamidopropyl Dimethylamine, Lactic Acid, Hydrolyzed Soy Protein, Malva Sylvestris Leaf Extract, Chamomilla Recutita Flower Extract, Cananaga Odorata Flower Oil, Rosmarinus Officinalis Leaf Extract, Glycerin, Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol, Benzyl Benzoate, Linalool

250 ml
4,99 €

BioQ – Menta&Timo – Balsamo Capelli Grassi e Forfora:

Aqua, Cetyl Alcohol, Behenamidopropyl Dimethylamine, Lactic Acid, Hydrolyzed Soy Protein, Thymus Vulgaris Extract, Arctium Lappa Root Extract, Mentha Piperita Oil, Eucalyptus Globulus Leaf Oil, Rosmarinus Officinalis Leaf Extract, Glycerin, Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Potassium Sorbate, Benzyl Alcohol, Limonene

250 ml
4,99 €

Anche in questo caso non ho avuto una buona impressione, abbiamo in entrambi i casi due formule simili, e anche molto basic, sicuramente troppo semplici per funzionare in entrambe le condizioni.
Abbiamo un prodotto talmente semplice, che non è stato inserito nemmeno un goccino d'olio, ma viene solo usata la Behenamidopropyl Dimethylamine sia come condizionante, che come emolliente.
In realtà è un ingrediente che svolge discretamente entrambe le funzioni, ma sicuramente non è paragonabile ad altri condizionanti veri e propri.
Penso siano due prodotti adatti a chi ha dei capelli davvero semplici da gestire, che non necessitano di una grande emollienza, e nemmeno di essere districati molto. Probabilmente lisci e non troppo lunghi insomma.

Anche per oggi è tutto!
A presto!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione

venerdì 19 maggio 2017

Beauty Routine Strucco!

Ciao a Tutti!
Torno a parlarvi già di Skincare, e in questo caso vado a completare l'ultimo post in cui vi ho parlato degli ultimi aggiornamenti sulla mia Beauty Routine viso: la fase strucco, che è quella più impegnativa, da quando ho cominciato a truccarmi con più attenzione e struttura.

Beauty Routine Strucco:

Come vi avevo già anticipato, per la detersione mattutina (come anche quella serale quando non mi trucco per il giorno) utilizzo ancora il mio fantastico sapone delicatissimo viso, che avevo realizzato “per sbaglio”, ma che si è rilevato davvero ottimo, e lo uso anche per andare a perfezionare lo strucco, ovvero per eliminare anche tutti i residui di struccante misti a trucco.

Come sapete, ho già spignattato da tempo entrambi gli struccanti, ma la mia routine è cambiata completamente dato il cambiamento che ho fatto in termini di Make Up.

1) Uso prodotti Long Lasting, come ad esempio la matita Wycon.
2) Uso molto più nero rispetto agli ultimi 2 annetti, dove lo avevo messo completamente da parte grazie all'Armocromia, che avevo applicato un po' troppo alla lettera, utilizzando le regole relative più che altro al vestiario anche per il trucco.
3) Ho bisogno di maggiore efficacia, quindi gli stessi prodotti vanno bene, ma ho dovuto modificare le procedure.

Ecco quali sono gli step:


1) comincio con il lavorare con le dita, a mani bagnate (preferibilmente con acqua molto calda) lo Struccogel di Bubba su tutto il viso e contorno occhi, massaggiando a lungo, tutto il trucco sul viso se ne va, mentre sugli occhi riesco ad eliminare il grosso.

2) sciacquo quasi tutto lo struccante con acqua molto calda (non da scottare ovviamente), così da facilitare lo scioglimento del trucco, ma tralascio l'area del contorno occhi.

3) strofino leggermente il viso con il panno di microfibra, appena umido, per rimuovere tutti i residui dal viso, e tampono appena appena, molto delicatamente la zona degli occhi, rimuovendo solo l'eccesso di prodotto e acqua

4) nuovamente a dita bagnate lavoro ancora una piccola quantità di Struccogel sulla zona degli occhi, poi rimuovo molto delicatamente il tutto con il panno di microfibra, ma senza assolutamente strofinare, però questa volta uso il panno di fibra bagnato con acqua calda, per ammorbidirlo bene.

5) Visto che neanche questo basta a rimuovere infracigliare e residuo di mascara nelle rime oculari, devo procedere con lo struccante bifasico, ne applico una dose generosa su un dischetto struccante (se uso questi grandi su metà, riesco ad usare un solo dischetto per entrambi gli occhi), e appoggio il dischetto sull'occhio, lasciandolo appoggiato a lungo, facendo dei leggeri massaggi sulla palpebra e in corrispondenza delle rime.


6) una volta rimosso il dischetto “tirando” molto delicatamente parallelamente alle rime, piego il dischetto stesso in modo da formare una piega che si adatta perfettamente alle rime dell'occhio semichiuso. Cerco di tenere in questa posizione il dischetto, così da sciogliere e rimuovere bene anche tutti i residui di nero all'interno delle rime e alla base delle ciglia.
Ripeto la procedura per l'altro occhio.

7) se serve piego nuovamente il dischetto formando un angolo, che inserisco nell'angolo interno degli occhi o un qualche punto dove rimane qualche area di nero.

8) se neanche questo basta (e a volte succede), uso dei cotton fioc, li bagno ancora di struccante bifasico e vado ad insinuarmi fra le ciglia, dove vedo grumi residui.

9) a questo punto lavo tutto il viso con il mio sapone delicatissimo, per rimuovere ogni residuo oleoso misto al trucco, questo ovviamente è fattibile solo se si usano struccanti a base oleosa, se si usano acque micellari, o gel struccanti procedere con una seconda detersione può essere troppo aggressivo.

10) dato che la pelle è sicuramente stressata dopo questa procedura, devo rimediare subito dopo, quindi non lascio asciugare i residui di acqua, procedo subito applicando il mio Tonico Ultra-Idratante, che restituisce subito alla pelle abbastanza NMF, così che non vada a tirare.

Tempo fa avevo detto sia qui, che in alcuni social, che non reggevo assolutamente il panno di microfibra come strumento struccante, ed effettivamente è vero, non lo reggo tutt'ora se lo uso strofinando, sia con acqua, che con detergenti/struccanti vari, sicuramente non sugli occhi, mentre lo tollero appena se usato sul viso, e sicuramente in modo molto delicato.
Purtroppo è il massimo che riesco a fare per cercare di avere una Beauty Routine “sostenibile” purtroppo mi rendo conto che per gli occhi non riesco proprio a fare a meno di dischetti e quando servono, cotton fioc.
Vorrei davvero la soluzione completamente lavabile, ma sugli occhi ho provato davvero di tutto, nulla riesce a funzionare bene come i dischetti monouso.

Anche per oggi è tutto!
Alla prossima!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione

mercoledì 17 maggio 2017

Festa della Mamma da Urban Decay di Annex - La Rinascente Milano

Ciao a Tutti!
Oggi vi scrivo un post per parlarvi di una bellissima iniziativa del Corner Urban Decay di Annex - La Rinascente di Milano.
Si tratta di un Corner che ho scoperto da poco, pensavo che in Italia UD fosse esclusiva Sephora, ma in realtà le cose stanno cambiando.
Il corner è sicuramente una relativa novità, ma fa capire che il marchio si sta svincolando dall'esclusiva, ed effettivamente potete trovare qui molto più di quello che offre l'assortimento di Sephora.

Non solo, devo per forza cogliere l'occasione per parlarvi proprio delle MUA del Corner (almeno quelle che ho conosciuto), non solo hanno dato prova di una professionalità e abilità ben sopra la media dei servizi di trucco offerti da profumerie e brand monomarca (escludo solamente MAC, perché ha sempre avuto come obiettivo l'assunzione di MUA e non semplici commessi), ma sono anche delle persone splendide, con cui è piacevole chiaccherare, ed è ben evidente quanto il Make-Up non sia per loro solo un lavoro, ma anche una passione! Non sono mai stata così coinvolta da nessun MUA in precedenza!


Inoltre la cosa carina di questo corner è che spesso vengono organizzati eventi, in questo caso sono state invitate Mamme e Figlie per un Make Up gratuito e un piccolo omaggio.
La professionalità e il calore di questo servizio vale davvero tutto quello che si paga, perché se è vero che i prodotti non sono soggetti alla scontistica che ad esempio offre Sephora, è anche vero che raramente mi è capitato da Sephora di avere a che fare con MUA davvero competenti, preferisco pagare qualcosa in più per un servizio di qualità e per un rapporto completamente diverso rispetto a qualsiasi altro negozio!

Ma ecco qui come si è svolto l'evento:


Effettivamente è stato come annunciato, una domenica mattina (lunga! essendo in un gruppo di tre coppie di mamma e figlia, dato ho portato anche la famiglia allargata del mio ragazzo, abbiamo finito alle 14!) molto piacevole, in cui abbiamo avuto un trucco completo gratuito e anche consigli sul look (che non sono finiti col Make Up, dato che la MUA Bianca del Corner ha provveduto anche ad alcune acconciature!), insieme ad alcuni omaggi.
Purtroppo il mascara che volevo acquistare per mia mamma è finito, ma questo è stato il mio bottino:


Ho comunque valutato molto bene gran parte dei prodotti usati, mi sono trovata bene sia con il fondotinta (al momento però ne ho ben 3!), il primer (come sapete ho appena acquistato il Self Adjusting Complexion Primer), la Nooner, ultima arrivata fra le palette Flushed, e la Ultimate Basic Palette, che per la mia gioia, è una palette completamente matte!
Ovviamente non ho acquistato tutti i prodotti, ma mi è sembrato che soprattutto le ultime due palette siano davvero valide, e le prenderò sicuramente in considerazione per il futuro.

Questi nella foto sono tutti i prodotti che sono stati usati su di me da Bianca, vi scrivo quelli di cui mi ricordo (è stato tutto molto coinvolgente, ma proprio perché è stata quasi una giornata fra amiche, non ho preso nota di tutto!):

  • Quick Fix (o B6? non ricordo mannaggia!)
  • Optical Illusion Complexion Primer
  • Naked Foundation 3 e 4 (uno più chiaro e uno più scuro per realizzare un minimo Contouring e Highlighting
  • Naked Flushed Palette - Nooner
  • Naked Ultimate Basics (principalmente i rosati della fila superiore, tra cui Istinct come colore da sfumatura)
  • un ombretto Moondust Duochrome, solo sulla palpebra mobile visibile ad occhio aperto
  • Primer Ciglia Subversion
  • Mascara Perversion
  • ha usato anche tre matite, purtroppo non mi ricordo quali ha usato (e dove, dato che ero ad occhi chiusi!)
  • Il rossetto è Afterdark, un berry IP (Inverno Profondo), di certo non adatto ad una ASP come me, anche se neutra, ma resta comunque un bellissimo colore, e ne ho potuto apprezzare finish e durata (per essere un matte non secca tantissimo le labbra).


Questo è il trucco, sicuramente non armocromatico (considerando comunque che non esiste solo quello, in una giornata come questa la variabile del gioco di colori è stata sicuramente fondamentale), ma sicuramente la foto ha reso davvero male i colori, dal vivo risultava molto meno acceso e non armocromatico di quanto sembra.
Purtroppo la luce non era il top per fare le foto, e il bilanciamento automatico della fotocamera ha risolto così!
Senza contare la mia faccia! Purtroppo non sono proprio riuscita a tirar fuori una foto migliore del trucco!

Devo anche spendere una parola per un altro fantastico prodotto, ovvero quella che hanno definito tipo BBCream, ovvero la Naked Skin One&Done, un prodotto che però dona davvero un effetto antiage pauroso dovuto all'effetto Soft Focus, l'ho potuto vedere di persona su una delle mamme del gruppo (infatti è stato acquistato), e che sicuramente trovo abbia un ottimo effetto su pelli essenzialmente già senza imperfezioni, ma donando comunque un effetto levigante sorprendente!
Vi consiglio di provarlo e valutare voi stesse!

Anche per oggi è tutto!
A presto!

lunedì 15 maggio 2017

Ecco le mie Recensioni di Primavera!

Ciao a Tutti!
Torno a parlarvi di qualche prodotto che ho utilizzato negli ultimi periodi, in particolare si parla di tutti i prodotti che ho cominciato ad usare dall'inizio dell'anno, ma di cui non vi ho ancora parlato perché non mi ero ancora fatta un'idea precisa.
Come sapete ci sono dei prodotti di cui posso parlarvi da subito, mentre per altri mi ci vuole un po' di più per avere un'opinione chiara.

Comincio a parlarvi del prodotto che ho iniziato ad usare prima, ovvero la Crema Corpo di L'Erbolario, che come vi dicevo, mi è stata regalata per Natale:

L'Erbolario – Mandorla – Crema per il Corpo:

Aqua, Polyglyceryl-3 Methylglucose Distearate, Glycerin, Parfum, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Oil, Gossypium Herbaceum Seed Oil, Butyrospermum Parkii Butter, Olea Europaea Oil Unsaponifiables, Mangifera Indica Seed Oil, Stearic Acid, Prunus Amygdalus Dulcis Extract, Persea Gratissima Fruit Oil, Theobroma Cacao Seed Butter, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Extract, Shorea Stenoptera Butter, Avena Sativa Kernel Extract, Rosmarinus Officinalis Leaf Extract, Canola Oil, Hydrolyzed Sweet Almond Protein, Potassium Palmitoyl Hydrolyzed Wheat Protein, Palmitic Acid, Cetearyl Alcohol, Dimethicone, Xanthan Gum, Benzyl Alcohol, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate

300 ml
19,00 € circa

Questo è una delle creme commerciali che più ho apprezzato negli ultimi anni! Si tratta di una crema molto ricca, corposa e anche straordinariamente fondente!
Infatti l'ho davvero finita in un battibaleno rispetto alle altre creme corpo usate fino ad ora!
Effettivamente riesce ad essere allo stesso tempo una crema molto adatta alle aree secche (di solito le gambe sotto al ginocchio, dove mi servono prodotti molto, molto ricchi, come ad esempio il mio burro montato, ad alta percentuale di grassi), ma anche veloce ad assorbirsi e dal tocco notevolmente asciutto (in proporzione all'azione nutriente, ecco diciamo che forse usato su pelli che cercano creme leggerissime è comunque “troppo”).
Mi piace davvero molto, e sono davvero stupita di come siano riusciti a formulare una crema del genere, nonostante la formula quasi del tutto ecobio!
L'unica aggiunta fuori dalle righe è un goccino di silicone a fondo INCI, ma come vi ho detto diverse volte: primo non sono un'ecobiotalebana e secondo la quantità è talmente piccola che al massimo può avere l'azione di antischiuma, e quindi contribuire all'assenza di scia bianca.
Insomma, prodotto non economico, ma che assolutamente vale la spesa, anche perché davvero ne serve proprio poca per nutrire.
Certo, io ho un problema di secchezza localizzato, quindi applico la crema solo sull'area stinchi e ginocchia, probabilmente l'economicità del prodotto verrebbe meno per chi la usa su tutto il corpo.
Io personalmente per altre aree del corpo la trovo troppo ricca, non fastidiosa, ma piuttosto preferisco prodotti differenti.


Il secondo prodotto di cui vi parlo, è invece il famoso Balsamo Vital Care, che ho acquistato già parecchio prima di Natale, ma che ho tardato a recensire per alcuni motivi.

Vital Care – Natural Bio – Balsamo Fortificante:

Aqua, Cetearyl Alcohol, Distearoylethyl Hydroxyethylmonium Methosulfate, Lauryl Glucoside, Isopropyl Myristate, PCA Glyceryl Oleate, Dicaprylyl Ether, Lauryl Alcohol, Sodium Citrate, Hydrolyzed Wheat Protein, Panthenol, Glycerin, Chamomilla Recutita Flower Extract, Avena Sativa Bran Extract, Phenoxyethanol, Ethylhexylglycerin, Parfum

250 ml
3,70-4,90 €

Sulla carta ne avevo parlato molto bene, e lo avevo scelto personalmente come alternativa ad un balsamo “leggero”, pensavo infatti potesse sostituire il balsamo Splend'Or, invece sono rimasta sorpresa, si tratta di un prodotto molto denso, che va più a sostituire un prodotto come il Balsamo Shultz, che infatti viene venduto in tubetto.
Questo balsamo invece viene venduto in bottiglia, ha quindi una consistenza totalmente inaspettata, è quasi pastoso, anche se rispetto al Balsamo Shultz è un balsamo perfettamente bianco e non ambrato.
La scomodità del formato è quindi la prima nota dolente, data la viscosità del prodotto, avrei preferito assolutamente un tubetto o un vasetto, non è per niente comodo utilizzarlo sotto la doccia.
Fin dal quarto utilizzo ho dovuto lasciare la bottiglia a testa in giù per evitare di dover aspettare un sacco prima che colasse un quantitativo sufficiente di balsamo.
Purtroppo non posso recensire troppo positivamente nemmeno il prodotto.
Sicuramente è ecobio, e sono piuttosto convinta che il problema non sia l'Esterquat, dato che come condizionante funziona, anche se non al pari di alcuni equivalenti non ecobio, ma qui la formula non mi entusiasma.
Vi ho parlato entusiasticamente del Balsamo Spray di Noah, anche lui a base di Esterquat, anche se con altre aggiunte, quindi il problema non è l'Esterquat, ma la formula in toto.
Qui abbiamo un prodotto sicuramente nutriente, districante proprio no. Diciamo che si assesta sul potere districante che hanno balsami economici, quali appunto lo  Splend'Or o l'Aline Beauty, ma per un prodotto di questa fascia di prezzo purtroppo non è sufficiente.
Insomma, ha la densità e la ricchezza di un balsamo “strong”, ma poi si rivela poco districante come un balsamo low cost... e senza nemmeno poter essere usato per il Cowash, data la sua consistenza.

Cien Nature – Crema Contorno Occhi alla Rosa Canina:

Aqua, Simmondsia Chinensis Seed Oil, Glycerin, Helianthus Annuus Seed Oil, Cetearyl Alcohol, Vitis Vinifera Seed Oil, Glyceryl Stearate Citrate, Rosa Canina Fruit Oil, Caprylic/Capric Tryglyceride, Tocopherol, Xanthan Gum, Ubiquinone, Phytic Acid, Citric Acid, Sodium Benzoate

15 ml
1,29-1,99 €

Si tratta del contorno occhi che ho preso per sostituire quello dell'Omnia Botanica, finito poco tempo fa, in quel momento non avevo tempo di cercarlo in un punto vendita Acqua&Sapone (non c'è in tutti quelli della mia zona) o supermercato (mi pare lo tenga solo il Carrefour nella mia zona), così ho approfittato della nuova apertura del Lidl proprio vicino a casa mia, e ho provato questo.
Ve ne avevo già parlato diverso tempo fa, recensendovi solo l'INCI, parlandovi infatti di un prodotto vuotino.
Effettivamente lo è.
Si tratta di un contorno occhi estremamente economico, ma di fatto che apporta solo nutrimento, non contiene ingredienti antiage (viene indicato il Coenzima Q10 in INCI, ma la crema è bianca, quindi è inesistente) e nessun attivo in generale ad esclusione del Tocoferolo.
Ha una ricca composizione di oli, ed effettivamente all'uso ho notato che si tratta di un prodotto molto ricco e nutriente.
A differenza di quasi tutti i contorno occhi che ho acquistato, questo è quello più denso, grasso e ricco.
Al posto di essere un'emulsione molto fluida e leggera, è una crema spalmabile, ma anche ricca, e per cui serve un massaggio leggero, ma per più tempo, per farlo assorbire completamente.
Purtroppo è un prodotto che si configura benissimo per la notte, proprio per la sua ricchezza, ma sulle mie palpebre è effettivamente troppo per usarlo di giorno, soprattutto se intendo truccarmi.
Usandolo sotto il primer occhi tende a vanificarne un pochino la tenuta, senza primer compromette proprio la stesura degli ombretti, e in generale tende a fare leggermente strato, cosa che di notte non mi crea problemi, ma di giorno può dare fastidio, lascia una leggera sensazione di “palpebra stanca”.
Visto il prezzo non mi formalizzo, e lo sto usando con soddisfazione per la notte, mentre per il giorno ho preferito tornare ad usare il Contorno Occhi all'Elicriso di Omnia Botanica, che mi ha davvero entusiasmato.

Come sempre torno a parlarvi di qualche campioncino, vista la mia decisione “rigorosa” di non lasciarli troppo a lungo a gibilare nell'armadietto del bagno!

Nevecosmetics – Crema Viso Esotica:

Aqua, Caprylic/Capric Triglyceride, Octyldodecanol, Oryza Sativa Bran Oil, Ethylhexyl Methoxycinnamate, Hexyldecanol, Hexyldecyl Laurate, Cetearyl Alcohol, Butyl Methoxydibenzoylmethane, Sorbitol, Arachidyl Alcohol, Butyrospermum Parkii Butter, Tocopherol, Macadamia Ternifolia Seed Oil, Helianthus Annuus Seed Wax, Euterpe Oleracea Fruit Oil, Behenyl Alcohol, Cetearyl Glucoside, Phenoxyethanol, Arachidyl Glucoside, Tocopheryl Acetate, Parfum, Xanthan Gum, Lactic Acid, Ethylhexylglycerin

3 ml

Come sapete era l'unico campioncino che mi era rimasto da provare delle creme Nevecosmetics.
Anni fa avevo già provato tutte le versioni, (ma ho ancora ben chiara solo Eterea, e comunque la mia pelle è un po' cambiata in questi anni), sempre sottoforma di campioncini, inviati  ancora in occasione del primo ordine Nevecosmetics che ho fatto (penso intorno al 2010).
Ho tenuto la crema per le prime giornate di primavera, dove compare il sole (e quindi una bassa protezione SPF viso è sensata), ma dove l'aria e il vento sono ancora freddi, quindi può anche andare un prodotto per pelle secca, nonostante la mia non lo sia appieno.
La crema è molto fondente nonostante sia abbastanza grassa rispetto alle creme a cui sono abituata, e la nota positiva è stata che non mi ha assolutamente causato brufoli infiammati (come capita quando uso alcune creme commerciali troppo grasse) e nonostante i filtri solari.
Il campioncino mi è bastato per 3 applicazioni abbondanti, compreso il collo, sicuramente non avrà apportato davvero l'SPF 15 dichiarato (come sapete si deve fare un'applicazione molto abbondante per esserne sicuri), ma almeno è sensato usarla di giorno e non di notte.
La nota aromatica risponde alle aspettative di una crema nominata “esotica”, anche se non è la classica nota asprigna o pienamente dolce del cocco, da “olio abbronzante”, rimane equilibrata ed è molto adatta ad una crema viso, non si distingue in modo netto dalle fragranze usate per le altre creme viso insomma.

Eucerin – Hyaluron-Filler – Crema Contorno Occhi:

Aqua, Glycerin, Butylene Glycol Dicaprylate/Dicaprate, Diethylamino Hydroxybenzoyl Hexyl Benzoate, Methylpropanediol, Synthetic Beeswax, Behenyl Alcohol, Ethylhexyl Triazone, Hydrogenated Coco-Glycerides, Octyldodecanol, Stearyl Alcohol, Cetyl Palmitate, Glyceryl Stearate Citrate, Glycine Soja Germ Extract, Aluminum Starch Octenylsuccinate, Bis-Ethylhexyloxyphenol Methoxyphenyl Triazine, Dimethicone, Sodium Hyaluronate, Methyl Methacrylate Crosspolymer, Trisodium EDTA, Carbomer, Ethylhexylglycerin, 1,2-Hexanediol, Phenoxyethanol

15 ml
21,00 €

Come con altri prodotti Eucerin, purtroppo anche in questo caso è stata una delusione.
Anche con quest'altro contorno occhi ho avuto gli stessi problemi che con il Dermo Densifyier, dato che ho avuto spesso bruciore agli occhi dopo l'utilizzo, e come per l'altro, non trovo che sia ben formulato per essere steso in una zona così delicata.
È leggermente più fluido e stendibile dell'altro, ma resta comunque un prodotto troppo denso e viscoso, che necessita di massaggi vigorosi, mentre sul contorno occhi dovrebbero bastare delicatissimi movimenti per stendere un prodotto specifico.
In questo caso non sono nemmeno riuscita ad usare il campioncino più di 3 volte, e l'altro l'ho swappato, perché proprio i miei occhi non hanno gradito.

Eucerin – Volume-Filler –  Trattamento Giorno – Integratore di Volume SPF 15:

Aqua, Glycerin, Ethylexyl Salicylate, Butyl Methoxydibenzoylmethane, Alcohol Denat., Cetearyl Alcohol, Dibutyl Adipate, Hydrogenated Coco-Glycerides, Phenylbenzimidazole Sulfonic Acid, Methylpropanediol, C12-15 Alkyl Benzoate, Aluminum Starch Octenylsuccinate, Arginine HCL, Bis-Ethylhexyloxyphenol Methoxyphenyl Triazine, Magnolia Officinalis Bark Extract, Pimpinella Anisum Fruit Extract, Sodium Hyaluronate, Methyl Methacrylate Crosspolymer, Carbomer, Sodium Stearoyl Glutamate, Sodium Chloride, Silica Dimethyl Silylate, Dimethicone, Trisodium EDTA, 1,2-Hexanediol, Phenoxyethanol, Parfum

50 ml
29,00 €

La crema, sensorialmente, è piuttosto simile alle altre creme viso giorno della marca che ho provato negli ultimi periodi, ma a differenza delle altre, è pensata per pelli miste, quindi è effettivamente più leggera delle altre, nonostante sia comunque piuttosto densa e corposa e appaia piuttosto grassa all'applicazione.
È stata l'unica delle creme viso a non essermi risultata comedogena, nonostante i filtri solari, e nonostante sia anche quella con INCI peggiore!
L'ho usata nelle ultime occasioni all'aria aperta, per dare una leggera protezione alla pelle, nonostante il tempo sia ancora piuttosto mite, infatti non uso ancora una protezione solare più alta.

Anche per oggi è tutto!
A presto!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione